10 suggerimenti pratici per aumentare l’efficacia della gamification

L’apprendimento basato sul gioco può aumentare:

  • la partecipazione dei dipendenti
  • il piacere della formazione
  • il mantenimento delle conoscenze

Impostare una corretta strategia di gamification è però fondamentale per ottenere i risultati desiderati. Ecco quindi 10 suggerimenti pratici per ottenere il massimo:

1. Evitare di concentrarsi solo sull’aspetto ludico

L’aspetto ludico è importante, ma non si possono perdere di vista le competenze che si vogliono far acquisire ai partecipanti. Fare affidamento sul gameplay o sulla grafica per coinvolgere i partecipanti può sembrare una strada facile, ma se non si struttura il contenuto in modo significativo, le persone non saranno in grado di stabilire connessioni tra ciò che stanno imparando e come lo applicheranno sul lavoro. Si potrebbero definire “broccoli ricoperti di cioccolato” o “rossetto su un maiale”! Invece di limitarsi a inserire i contenuti in un modello, si tratta di scegliere un tipo di gioco che supporti efficacemente gli obiettivi specifici. Quando si scrivono i compiti e le domande, bisogna assicurarsi che siano significativi e pertinenti per il lavoro. Prendere in considerazione l’aggiunta di domande che non solo modellino il modo corretto di fare le cose, ma evidenzino anche idee sbagliate e aiutino le persone a imparare dai propri errori.

2. Sottolineare la differenza tra giochi e gamification

Giochi e gamification sono due concetti completamente diversi. Gamificare significa utilizzare e applicare elementi e tecniche di gioco in un contesto non di gioco, che consente di motivare i partecipanti a raggiungere i risultati desiderati. Quindi i giochi devono essere progettati in modo sistematico per raggiungere gli obiettivi. Se i giochi sono solo giochi, possono essere divertenti, ma non porteranno le persone da nessuna parte.

3. Valorizzare i feedback

E’ importante prevedere sempre un feedback contestuale. Quando le persone commettono un errore, è più probabile che prestino attenzione (e imparino da) ciò che hanno fatto di sbagliato.

Un feedback efficace consente di capitalizzare questo momento. Che si tratti di una reazione, di un suggerimento, di un collegamento a una risorsa o di una spiegazione più dettagliata, il feedback dovrebbe essere rilevante per ciò che il partecipante ha fatto. Se si vuole davvero coinvolgere i partecipanti, si può capovolgere l’intera sequenza di formazione: crea una sfida basata sul gioco invece di una presentazione e trasmetti i contenuti formativi attraverso dei feedback per mostrare ai partecipanti l’impatto delle loro scelte nel mondo reale.

4. Perfezionare la struttura di gioco

Vuoi che il gioco sia efficace? È importante prestare molta attenzione alla struttura. Se tutte le domande sono uguali o il gioco è troppo lungo, i partecipanti non rimarranno coinvolti. Invece, concentrati sulla creazione di piccoli giochi di microlearning che includono una varietà di tipi di domande. Questo fa sì che i partecipanti si chiedano: “Cosa c’è dopo?” senza annoiarsi o chiedersi quando il gioco finirà. Per quanto riguarda le risposte alle domande, dovrebbero essere impegnative. Assicurati che non siano troppo ovvie o prive di rilevanza per il corso.

Ricorda, l’obiettivo è che il partecipante impari e applichi concretamente concetti, cosa che riesce meglio e quando il cervello deve affrontare delle sfide.

5. Rendere il sistema di premi e ricompense davvero motivante

Ricompense e premi sono una parte importante della gamification e possono essere davvero motivanti se studiati correttamente. Ecco alcune insidie ​​da evitare:

  • Assicurati che tutti ricevano ricompense: un solo primo premio, seppur importante, non funziona
  • Assicurati che i premi corrispondano al pubblico – considera di prevedere anche dei premi non competitivi. Non tutti sono motivati ​​dalla competizione. Enfatizzare eccessivamente la competizione può alienare il tuo pubblico se non ne è motivato.
  • Assicurati di premiare l’apprendimento effettivo: struttura le ricompense in modo che non servano solo per spostarsi in avanti nel percorso di apprendimento
  • Se utilizzi un tema per la gamification, assicurati che sia in linea con il tuo pubblico. Una caccia al tesoro dei pirati potrebbe non funzionare per ogni tipo di pubblico!

Una delle chiavi per progettare premi e ricompense è conoscere il pubblico e cosa lo motiva. Usa queste informazioni per creare premi e ricompense che funzionino per il pubblico individuato.

6. Calibrare la quantità di testo

Usa immagini o video per migliorare l’esperienza di apprendimento. I game designer spesso iniziano scrivendo il flusso, la narrazione e le domande, ma il processo non dovrebbe finire qui. Cerca opportunità per aggiungere media in modo mirato. Gli elementi multimediali possono rendere il gioco più facilmente riconoscibile fornendo una storia, un contesto o esempi. Quando vengono utilizzati per supportare il contenuto, possono anche migliorare la comprensione. Ad esempio, si possono utilizzare i contenuti multimediali per visualizzare in anteprima o organizzare argomenti, evidenziare concetti chiave, semplificare informazioni complesse o mostrare informazioni in azione. Un avvertimento: contenuti multimediali disordinati o irrilevanti confonderanno i partecipanti e li distoglieranno dal tuo messaggio principale. Ma un gioco ben progettato con una grafica ricca è più memorabile del solo testo.

7. Conoscere il pubblico

Per qualcuno vedere la classifica può essere motivante, per altri può essere molto stressante.

È importante conoscere il team e le persone coinvolte: a volte ha senso mostrare una classifica con i nomi dei membri del team, mentre in altri casi è meglio ricorrere a degli alias in modo che le person possano nascondere la loro identità. In questo modo il fattore motivazione rimane mentre si rimuove lo stress.

8. Valorizzare la componente social

Uno dei principali fattori che rendono la gamification così efficace è il livello di coinvolgimento. Per cominciare, si crea un coinvolgimento delle persone sui contenuti, perché si sentono come se avessero il controllo, cosa che fanno tutti i giochi. Per aumentare ulteriormente l’efficacia, devi aiutare i tuoi partecipanti a interagire tra loro.

Più i tuoi giochi sono collaborativi, più efficaci saranno e più è probabile che le persone imparino ciò che devono imparare. I tuoi studenti competeranno in modo sano tra loro, impareranno da ciascun altro e cresceranno insieme.

9. Creare il giusto mix di strumenti di apprendimento

Potresti pensare di dover passare dalla creazione di corsi eLearning a un approccio totalmente basato su giochi e gamification, ma la soluzione migliore è un approccio misto. I partecipanti tendono a disimpegnarsi e ad attivare il pilota automatico quando tutta la formazione sembra sempre la stessa, con lo stesso approccio. Un’esperienza che include una varietà di strategie didattiche è più memorabile. Questo perché la novità attira l’attenzione dei partecipanti, che quindi si impegnano a un livello più profondo. L’interazione con le informazioni proposta in modi diversi crea più percorsi e associazioni neurali, quindi è più facile ricordare ciò che hai imparato.

10. Analizzare i risultati

Un tipico sistema di gestione dell’apprendimento (LMS) consente di tenere traccia dei tassi di partecipazione e completamento, dei punteggi dei quiz e altri dati di formazione e analisi. L’analisi dei giochi fornisce livelli di dettaglio simili, con il vantaggio aggiuntivo che la maggior parte delle persone gioca più volte. Punteggi, tassi di coinvolgimento e altri dati di gioco danno il potere di regolare e migliorare l’esperienza di apprendimento. Ad esempio, puoi:

  • Confrontare punteggi, sessioni e accuratezza per misurare l’efficacia nel tempo
  • Riscrivere le domande a cui è sempre stata data una risposta corretta (troppo facile) o che non hanno mai avuta una risposta corretta (troppo difficile)
  • Aggiungere giochi di pratica e/o incoraggiare il gioco ripetuto per i giochi che hanno rivelato una bassa precisione
  • Aggiungere giochi impegnativi per i migliori giocatori
  • Sostituire, riprogettare o ritirare i giochi a cui nessuno sta giocando
  • Introdurre nuovi giochi nei giorni o negli orari in cui è più probabile che le persone si facciano coinvolgere

Tags: , ,

Barbara Badiali

“La cosa importante è di non smettere mai di interrogarsi. La curiosità esiste per ragioni proprie. Non si può fare a meno di provare riverenza quando si osservano i misteri dell'eternità, della vita, la meravigliosa struttura della realtà. Basta cercare ogni giorno di capire un po' il mistero. Non perdere mai una sacra curiosità.” (Albert Einstein)

Mission

Vogliamo aiutare le aziende ad ottenere risultati migliori di business, supportando la crescita personale e professionale di manager e collaboratori, sviluppando l’innovazione, e ottimizzando le attività di execution e di implementazione della strategia.

Seguici su

LinkedIn
YouTube

© VisionMind® s.r.l. 2022 . p.iva/c.f. 06975870962

Privacy Policy . Cookie Policy . Preferenze Cookie