Sai chiedere aiuto?

Se ammetterai che non sei in grado di prendere il controllo su tutto, penseranno che non sei capace?
Dopotutto devi svolgere il tuo lavoro autonomamente, giusto?

Potresti essere preoccupato dei tuoi colleghi “Competitors”, di coloro che puntano alla tua stessa promozione. Se vedranno che sei in difficoltà, coglieranno vantaggio dalle tue debolezze? Certamente non vuoi risultare vulnerabile di fronte a loro.Chiedere aiuto per molti non è facile, soprattutto se si svolge un ruolo da Manager. Per non mettere a rischio progetti o scadenze di lavoro però bisogna imparare a chiedere l’appoggio di qualcun altro.

IN QUESTO ARTICOLO PARLEREMO DI COME E QUANDO CHIEDERE AIUTO IN MODO GIUSTO.

Fare una Autovalutazione
Il carico di lavoro può cambiare in base alle condizioni, situazioni,.. Se ti senti sopraffatto dall’incarico che ti è stato assegnato, non chiedere aiuto immediatamente, ma devi fare una autovalutazione.
Riguardo il lavoro che devi fare, stai organizzando una lista di cose da fare? Magari puoi delegare a qualcuno qualche compito; cerca di costruirti un programma di attività da svolgere così da dare più attenzione a quelle che sono particolarmente importanti per il lavoro.
Cerca di risolvere il problema con creatività, di organizzarti il tempo a disposizione. E’ anche vero che le persone con maggiore successo lavorano di più.
Controllare lo stress invece è molto importante soprattutto quando si hanno incarichi impossibili: fare un’analisi del lavoro in questo caso può aiutare.

Capire a chi chiedere
Se hai rivisto il tuo lavoro e deciso di chiedere aiuto, devi sapere anche a chi chiederlo.
Se sei un Manager puoi chiedere al tuo Capo o ai tuoi Colleghi, oppure delegare qualcuno. Spesso capita però che la persona che ricopre un ruolo di manager non chiede aiuto per non risultare debole e quindi vuole prendere in mano la situazione da solo; questo approccio però non solo fa sprecare tempo, ma anche energia.
Non importa quale posizione occupi, arriva un certo punto in cui tutti hanno bisogno di aiuto.
Se non occupi una posizione manageriale chiedere aiuto non dovrà sembrarti imbarazzante, anzi farà capire al tuo capo l’importanza e l’attenzione che dai nel voler svolgere correttamente il tuo lavoro.
Devi capire innanzitutto dove e perché hai bisogno di aiuto, chi sono i tuoi possibili alleati e chi possiede le risorse e capacità adeguate.

Fare la domanda giusta
Bisogna cercare di chiedere in modo corretto in modo da far capire che si è focalizzati sull’obiettivo. Farlo nel modo scorretto può trasmettere la sensazione che si riesca a dominare lo stress.
Controlla le emozioni, il linguaggio del corpo, non essere ansioso perché può compromettere la tua reputazione. Non cercare di manipolare, intimidire o lusingare qualcuno; spiegare quali passaggi si sono già compiuti per cercare di risolvere la situazione, proporre una propria soluzione. Non dire mai che non si è in grado di fare nulla, ma proporre una soluzione da adottare insieme a qualcuno.
Chiedi in modo specifico di cosa hai bisogno, non stare sul vago, dimostra che c’è gratitudine offrendo anche il tuo aiuto agli altri.
Per concludere si può ricordare a tutti quelli che lavorano ed occupano una posizione di Manager che è normale e soprattutto giusto chiedere aiuto a qualcuno in caso di bisogno.

Tags: ,

VisionMind

Shape Your Mind . Build Your Vision . Get Results

Mission

Vogliamo aiutare le aziende ad ottenere risultati migliori di business, supportando la crescita personale e professionale di manager e collaboratori, sviluppando l’innovazione, e ottimizzando le attività di execution e di implementazione della strategia.

Seguici su

LinkedIn
YouTube

© VisionMind® s.r.l. 2017 . p.iva/c.f. 06975870962

Privacy e Cookie Policy