Innovazione

Come evitare il micromanagement e vivere felici

Avete assegnato un compito importante ad un collaboratore e gli avete dato una scadenza. Lo lasciate lavorare e fate dei controlli solamente in momenti determinati prima di iniziare o continuate ad andare nel suo ufficio o ad inviargli e-mail? Se scegliete la seconda, siete dei micromanager, una persona che non si lascia sfuggire nessun dettaglio.

I micromanager portano dei comportamenti positivi (l’attenzione ai dettagli e una personalità partecipativa) agli estremi. Forse perché sono dei maniaci del controllo o forse perché sentono di dover spingere chiunque sia attorno a loro al successo, i micromanager rischiano di essere un problema per il team. Rovinano l’autostima dei loro colleghi, il loro lavoro e li portano all’esasperazione, fino a farli abbandonare.

Fortunatamente esistono delle strategie per capire se vi comportate in questo modo, in modo da prendere provvedimenti, o per suggerire ai vostri colleghi micromanager come accettare la vostra indipendenza.

Prima di tutto, come potete riconoscere questi comportamenti? Qual è la differenza tra un manager interessato e uno fin troppo preoccupato, che sta facendo impazzire la sua squadra?

Segni del micromanagement

Quelli che seguono sono alcuni segni che potrebbero farvi capire se siete dei micromanager o avete a che fare con uno di loro. In generale, i micromanager:

  • Non amano delegare.
  • Continuano a controllare i progetti altrui.
  • Iniziano correggendo i dettagli più piccoli invece di guardare lo scenario complessivo.
  • Si riprendono i lavori delegati prima della scadenza quando trovano degli errori.
  • Scoraggiano gli altri a prendere decisioni senza consultarli.

Qual è il problema del micromanaging?

Se state ottenendo risultati dal micromanaging e dal continuare a controllare i lavori altrui, perché non continuare?

I micromanager spesso mostrano la validità del loro metodo con un semplice esperimento: danno ad un impiegato un lavoro e spariscono fino alla scadenza. Potrà avere successo quando ha carta bianca?

Possibile, se è sicuro delle proprie abilità. Ma sotto i micromanager, i lavoratori tendono a diventare timidi e incerti, persino a paralizzarsi. “Non importa cosa faccia” potrebbero pensare questi lavoratori “Non sarà abbastanza buono”. E ciò potrebbe avere due possibili conseguenze: o il lavoratore chiederà al manager aiuto prima della scadenza o continuerà a lavorare, ma presenterà un risultato inadeguato.

In entrambi i casi, il micromanager interpreterà il risultato dell’esperimento come una prova che, senza il suo costante intervento, i suoi impiegati incespicheranno o falliranno.

Ma questi risultati sono una prova del valore del Micromanagement o una condanna? Un manager veramente efficiente fa in modo che gli uomini al suo fianco riescano ad avere successo. I micromanager, d’altro canto, impediscono agli impiegati di prendere decisioni (e assumersi le responsabilità). Ma è esattamente questo processo che permette alle persone di crescere e migliorare.

I buoni manager aiutano i loro impiegati ad avere successo dando loro  opportunità di eccellere, i cattivi manager tolgono loro queste possibilità. E un impiegato scoraggiato è un lavoratore inefficiente: uno che richiede il tempo e le energie dei suoi superiori.

Sono questo tempo e queste risorse che, moltiplicate per un gruppo di lavoratori timidi e spaventati, rappresentano un serio e controproducente spreco per il manager. È estremamente difficile, se non impossibile, tenersi al passo con l’analisi, la pianificazione, le comunicazioni con gli altri team e gli altri compiti “da scenario complessivo” del managing quando stai correggendo i dettagli della prossima presentazione delle vendite.

Fuggire dal micromanagement

Quindi ora avete identificato le tendenze micromanageriali e visto perché sono nocive. Cosa potete fare se sapete che state avendo simili comportamenti o li state subendo da un superiore?

Per quanto riguarda i micromanager, il miglior modo per avere delle relazioni più sane con gli impiegati è il più diretto: parlargli.

Potrebbero essere necessarie diverse conversazioni per convincerli che fate sul serio. Ottenere responsi sinceri dagli impiegati è la parte più complessa. Una volta che lo avete fatto, come suggerisce l’executive coach Marshall Goldsmith nel suo libro “What Got You Here Wont’s Get You There”, è tempo di scusarsi e cambiare. Questo significa dare ai vostri impiegati il margine e l’incoraggiamento necessario ad avere successo.

Focalizzatevi prima su quelli con più potenziale e imparate a delegare loro i compiti in maniera efficace.

Suggerimenti:

Una parte dell’essere un buon manager, spesso persa dai “micro”, consiste nell’ascoltare. I manager falliscono in questo compito quando dimenticano che i loro impiegati hanno degli importanti suggerimenti e le persone che non si sentono considerate tendono a scoraggiarsi.

Per coloro che subiscono il Micromanagement le cose sono più complicate. Probabilmente vi state trattenendo dal mostrare le vostre possibilità e probabilmente non state progredendo nella vostra carriera come fareste avendo un po’ di indipendenza sul lavoro.

Ma c’è certamente qualcosa che potete fare per migliorare la situazione:

  • Aiutate il vostro capo a delegare con maggior efficacia chiedendogli di fornirvi tutte le informazioni che vi servono a monte e di fissare dei checkpoint durante i quali controllerà il vostro lavoro.
  • Offritevi per prendere a carico dei lavori o dei progetti di cui siete sicuri di essere capaci. Questo vi permetterà di aumentare la vostra confidenza e le sue abilità nel delegare i compiti.
  • Fate in modo di comunicare i vostri progressi al vostro capo con regolarità, per scoraggiare delle eventuali ricerche di informazioni solamente perché non ne ha avute per molto tempo.
  • Concentratevi sull’aiutare il vostro capo a cambiare un aspetto del Micromanagement alla volta. Ricordatevi che anche lui è umano e può fare degli errori!

Tags: , , ,

Barbara Badiali

“La cosa importante è di non smettere mai di interrogarsi. La curiosità esiste per ragioni proprie. Non si può fare a meno di provare riverenza quando si osservano i misteri dell'eternità, della vita, la meravigliosa struttura della realtà. Basta cercare ogni giorno di capire un po' il mistero. Non perdere mai una sacra curiosità.” (Albert Einstein)

Mission

Vogliamo aiutare le aziende ad ottenere risultati migliori di business, supportando la crescita personale e professionale di manager e collaboratori, sviluppando l’innovazione, e ottimizzando le attività di execution e di implementazione della strategia.

Seguici su

LinkedIn
YouTube

© VisionMind® s.r.l. 2017 . p.iva/c.f. 06975870962

Privacy e Cookie Policy