Come trarre spunti positivi da un feedback negativo

Come reagisci alle critiche? Per molti di noi, la prima reazione è di rabbia. Dopotutto, a nessuno piace sentirsi dire che non ha fatto bene – e alcuni di noi fanno di tutto per evitare qualsiasi tipo di feedback negativo.

Quando rispondi con una mente aperta, puoi tuttavia usare le critiche per aiutarti a identificare le tue debolezze, crescere e diventare più efficace.

Come distinguere le critiche corrette dalle ingiuste

Probabilmente risponderai in modi diversi alle critiche giuste o a quelle ingiuste, quindi devi essere in grado di distinguere tra le due.

Le critiche eque sono espresse in modo rispettoso, costruttivo e non minaccioso. Include affermazioni fattuali e si concentrano sulle azioni da intraprendere, piuttosto che sulla persona responsabile di esse.

Ad esempio, il tuo capo potrebbe dirti dopo una presentazione: “Le tue diapositive non erano così efficaci come avrebbero potuto essere. Se ci fosse stato meno testo, le persone ti avrebbero ascoltato di più, invece di cercare solo di leggere le tue slide. Qualche foto in più avrebbe reso il tutto più interessante.”

La critica equa rappresenta un’opportunità. Mantieni una mente aperta e, ove possibile, sii disposto a riconoscere i tuoi errori e a fare sforzi per superarli. Se la situazione lo giustifica, sii pronto a scusarti.

Infine, cerca di non soffermarti troppo sulle critiche che ricevi: prendi tutti gli aspetti positivi che puoi e vai avanti.

Le critiche negative e infondate possono essere espresse con un tono duro, usando termini o generalizzazioni ampi e non specifici, solitamente in un luogo pubblico dove ci sono altre persone che ascoltano. Tuttavia, ciò che distingue davvero le critiche come ingiuste è come le critiche “si sciolgano” quando le si affronta razionalmente.

Gestire la tua risposta iniziale alle critiche

Quando veniamo criticati, è facile sentirsi subito sulla difensiva. Sono comuni anche altre reazioni come shock, imbarazzo, dolore, paura o pianto. Dopotutto, le critiche implicano che abbiamo fatto qualcosa di sbagliato o che non stiamo raggiungendo i livelli di prestazioni che dovremmo.

La tua risposta iniziale è la più importante: ha le maggiori possibilità di peggiorare o migliorare le cose. Ecco un consiglio per gestire le emozioni:

Passaggio 1: mantieni la calma

La prima cosa da fare è mantenere la calma, sia che la critica provenga da un collega o da un capo. Le critiche negative possono far nascere rabbia o sentimenti di inadeguatezza. Esprimere queste emozioni ti scaraventerà solo più a fondo in un buco e porrà il tuo critico su un’altura. Potrebbe anche danneggiare la tua reputazione.

Se hai bisogno di più di qualche secondo per calmarti, dillo. Chiedi un po’ di tempo per formulare la tua risposta e torna più tardi.

Se hai ricevuto la critica via e-mail o sui social media, non premere subito il pulsante “Rispondi” ma prendi tempo per riflettere.

Passaggio 2: ripetere la critica

Se le critiche vengono presentate di persona, ripeti semplicemente e con calma le lamentele di chi ti ha criticato, per assicurarti di averle comprese correttamente.

Stabilisci un contatto visivo costante e, con un tono non aggressivo, dì: “Quindi, quello che stai dicendo è…” e descrivi la critica con parole tue. L’obiettivo qui è distogliere l’attenzione dalla tua reazione e posizionarla direttamente su questioni sostanziali, senza accettarle o negarle.

Un critico veramente aggressivo potrebbe sperare di spingerti a litigare, o almeno di farti tradire dalla rabbia. Oppure potrebbe aspettarsi che tu ceda e accetti la sconfitta.

Sii concreto ed evita di esagerare. In questo modo, sembrerai una persona ragionevole desiderosa di risolvere la questione.

Passaggio 3: apri entrambe le prospettive

Stabilisci il rispetto come elemento chiave della conversazione. Ad esempio, potresti dire: “Capisco come potresti aver sviluppato quell’idea, ma probabilmente non mi sono spiegato bene”. Fai così e dimostrerai che sei disposto a vedere le cose dal punto di vista del tuo critico. E darai l’opportunità di ricambiare il favore.

Se la persona che critica non è abbastanza specifica, fai delle domande per scoprire qual è il vero problema. Se il tuo capo dice: “Non mi è piaciuto il tuo ultimo rapporto”, cerca i dettagli. Cosa non gli è piaciuto?

Usa l’ascolto attivo per capire veramente cosa sta dicendo il tuo critico, piuttosto che annuire, mentre aspetti di arrivare con la tua prossima risposta.

Passaggio 4: vai avanti educatamente

Se, nonostante i tuoi migliori sforzi, il tuo critico tiene duro, allora è il momento per un’uscita “aggraziata” dalla situazione.

Potresti dire: “Questo è certamente qualcosa su cui riflettere e apprezzo il feedback” o qualcosa di simile. Questo ti presenta come qualcuno che cerca sinceramente di fare il miglior lavoro possibile e pone l’accento sulle interazioni future.

Dare seguito alla tua risposta iniziale

Ora hai guadagnato un po’ di tempo. Se ancora non ritieni che la critica sia giusta, ecco alcuni passaggi per risolvere la situazione a lungo termine:

Passaggio 1: considera la fonte

Il tuo critico è una voce rispettata all’interno dell’azienda o attacca continuamente gli altri per sostenere la propria mancanza di fiducia in sé stesso? Se è così, potresti aver già risolto il problema ripetendo con calma la critica durante l’incontro.

Tuttavia, l’opinione del tuo critico può avere un peso all’interno dell’organizzazione. Peggio ancora, potrebbe essere il tuo capo. Esploreremo poi come affrontare la situazione.

Passaggio 2: suggerisci una riunione di follow-up

Una buona idea potrebbe essere quella di suggerire un incontro per eliminare le differenze. Anche se trovi che il ragionamento del tuo critico è imperfetto, non scartare la possibilità che tu possa avere qualcosa da imparare. Voi due potreste elaborare insieme una strategia migliore e dall’interazione emergerete con la reputazione di chi persegue sempre i migliori interessi dell’azienda.

Passaggio 3: chiedere aiuto a un’autorità

Se il tuo critico insiste e sei convinto che abbia torto, potresti considerare di cercare l’approvazione di un superiore. (Questo è particolarmente importante se pensi di essere vittima di bullismo.)

Fai attenzione a non lanciare un attacco personale. Invece, descrivi accuratamente entrambi i punti di vista sull’argomento e spiega che capisci la posizione dell’altro, ma che pensi di essere dalla parte della ragione.

Sii calmo e razionale. Anche se il tuo capo si schiera con il tuo critico, diventerai una persona misurata e aperta a una serie di prospettive.

A condizione che tu e il tuo critico teniate entrambi a mente gli obiettivi della squadra, piuttosto che le vostre differenze personali o professionali, dovreste essere in grado di concordare un modo positivo per andare avanti.

Gestire le critiche del tuo capo

Ma cosa succede se il tuo critico è il tuo capo? Innanzitutto, pianifica un incontro e ascoltalo. Se ha senso, cedi il punto e adatta il tuo approccio in modo appropriato.

Se rimani convinto che le sue critiche non siano giuste, cerca gentilmente di portarle al tuo punto di vista. In caso contrario, puoi pensare di richiedere un incontro con qualcuno più in alto nella scala gerarchica.

Valuta però che rischi di peggiorare ulteriormente la tua posizione. Esponi sempre il tuo caso nel modo più calmo e razionale possibile. Non è facile infatti criticare un manager.

Gestire le critiche quando sei il capo

E se uno dei membri del tuo team mette in dubbio le tue prestazioni? Innanzitutto, dimostra di aver ascoltato quello che ti hanno detto e che ci stai pensando. Le critiche sono giuste o si stanno solo scagliando contro di te?

Se la critica è giusta, agisci per cambiare e mostra che lo stai facendo. Abbi l’umiltà di riconoscere i tuoi fallimenti e la sicurezza di fare le cose in modo diverso.

Se, riflettendoci, pensi che la critica sia ingiusta, affrontala con calma e razionalmente. Non limitarti a tirare le fila e chiudere la discussione. Il tuo critico potrebbe avere rimostranze più profonde di cui ha bisogno di parlare.

Mantenere la propria autostima

Essere oggetto di critiche ingiuste può essere un’esperienza traumatica, per quanto bene tu gestisca il rapporto con chi ti critica. Quindi, è importante non lasciare che l’esperienza danneggi la tua autostima o fiducia in te stesso.

A volte, la critica è ingiusta perché è semplicemente sbagliata. E in altre occasioni, è ingiusta perché si tratta di qualcosa che non ha attinenza con il modo in cui svolgi il tuo lavoro. Ad ogni modo, ricorda che indica carenze nella persona che ti rivolge la critica, non in te.

Se ti accorgi di continuare a soffermarti su di essa, tuttavia, usa le tecniche della consapevolezza del pensiero, del pensiero razionale e del pensiero positivo per chiarire nella tua mente che tu, le tue abilità e le tue azioni non meritavate le critiche che avete ricevuto.

In breve

C’è una grande differenza tra critiche giuste e ingiuste, ma a volte la linea tra le due è difficile da tracciare.

Le critiche giuste possono aiutarti a crescere e imparare, mentre le critiche ingiuste possono trascinarti verso il basso.

È naturale reagire con forza alle critiche ingiuste, ma raramente si tratta di una mossa saggia dal punto di vista della carriera. Mantieni la calma, chiedi al tuo critico di ripetere i commenti e mostra che li capisci. Se la critica si basa su un malinteso o su una prospettiva diversa, dovresti essere in grado di risolvere il problema.

In situazioni più complicate, in particolare quando il tuo critico è il tuo capo, dovresti programmare un incontro per discutere a fondo delle critiche.

Tags: , , ,

Barbara Badiali

“La cosa importante è di non smettere mai di interrogarsi. La curiosità esiste per ragioni proprie. Non si può fare a meno di provare riverenza quando si osservano i misteri dell'eternità, della vita, la meravigliosa struttura della realtà. Basta cercare ogni giorno di capire un po' il mistero. Non perdere mai una sacra curiosità.” (Albert Einstein)

Mission

Vogliamo aiutare le aziende ad ottenere risultati migliori di business, supportando la crescita personale e professionale di manager e collaboratori, sviluppando l’innovazione, e ottimizzando le attività di execution e di implementazione della strategia.

Seguici su

LinkedIn
YouTube

© VisionMind® s.r.l. 2021 . p.iva/c.f. 06975870962

Privacy e Cookie Policy