Motivation

Motivazione e automotivazione

La motivazione è l’arte di scoprire cosa “fa funzionare le persone” e applicarlo per ottenere il meglio da loro. In quanto tale, è qualcosa che tutti dobbiamo capire, non solo i manager e chi ha dei collaboratori da gestire.

Ci sono molti ottimi modelli che ci aiutano a farlo. Uno dei padri della motivazione, Frederick Herzberg, ha affermato che il modo per motivare le persone è prima di tutto sbarazzarsi delle cose che le turbano, e poi concentrarsi su fattori come il successo, il riconoscimento, l’avanzamento e la crescita, tutti elementi che troviamo motivando noi stessi.

Altri ricercatori hanno parlato di soddisfare i bisogni individuali delle persone in termini di realizzazione, affiliazione o potere (David McClelland); aiutandoli a sperimentare l’equità, la realizzazione e il cameratismo sul lavoro (David Sirota); o motivandoli fornendo frequenti piccole vincite.

Esistono essenzialmente due tipi di motivazione:

Motivazione intrinseca

Questo è quando sei motivato da fattori “interni” per soddisfare le tue esigenze personali. La maggior parte degli hobby e delle attività ricreative si basano sulla motivazione intrinseca: coltiviamo un hobby perché ci piace, non perché dobbiamo.

Motivazione estrinseca

È la motivazione che arriva da fattori “esterni” che sono dati o controllati da altri, ad esempio dallo stipendio o da una lode. I nostri lavori sono generalmente basati su motivazioni estrinseche, anche se ci sarà una motivazione intrinseca quando ti piace il lavoro che fai.

La maggior parte delle situazioni lavorative coinvolge entrambi i tipi di motivazione. Se facciamo un lavoro che ci piace, parte del lavoro che svolgiamo sarà intrinsecamente motivante. Realisticamente, però, probabilmente non andremmo a lavorare se non fossimo pagati! Godere del proprio lavoro è intrinsecamente motivante, mentre essere pagato uno stipendio per farlo è estrinsecamente motivante.

Anche se svolgiamo un lavoro che ci piace, possono sorgere problemi quando dobbiamo fare qualcosa che non ci piace intrinsecamente, come archiviare, parlare con il personale di problemi di prestazioni, completare rapporti e così via. Dobbiamo svolgere compiti indesiderati è parte del nostro lavoro, quindi dobbiamo trovare un modo per motivarci a portarli a termine. Ecco dove è necessaria l’automotivazione.

Per motivarti, devi esaminare e comprendere i tuoi bisogni, in modo da sapere cosa trovi prezioso e gratificante. Quindi, cambiando il tuo ambiente e la tua prospettiva, puoi trovare la motivazione intrinseca ed estrinseca per completare quei compiti indesiderabili. Quindi, invece di fare affidamento su altri fattori per rendere un compito più gratificante, lo rendi tu stesso più gratificante. Questo vale anche nei rapporti con i colleghi e costituisce la base della motivazione di gruppo.

Strategie di auto-motivazione

Così come ci sono due tipi di motivazione, ci sono due strategie principali per motivarti:

  1. Rendi il compito più intrinsecamente interessante e soddisfacente.
  2. Fornisci le tue ricompense estrinseche.

Usare una combinazione delle due è spesso il modo più efficace per motivarti. Quindi, devi trovare un’ulteriore motivazione intrinseca ed estrinseca per portare a termine quei compiti indesiderati. Ecco alcune tattiche che puoi usare per motivarti:

Cambia il tuo atteggiamento e approccio ai compiti indesiderati

– Ad esempio, il compito di riorganizzare il tuo schedario potrebbe non essere di per sé motivante. Ma essere visto come una persona competente e organizzata potrebbe fornirti una motivazione intrinseca. Pensando di archiviare in questo modo, ad esempio, puoi collegare il completamento dell’attività con il soddisfacimento delle tue esigenze.

Pensa al motivo per cui fai quello che fai

– A volte potresti iniziare a pensare che il tuo lavoro sia inutile, quindi perché preoccuparti di fare le cose? Un ottimo modo per aumentare l’automotivazione è elencare tutti i risultati positivi del tuo lavoro. Ad esempio, se vendi apparecchiature per ufficio a livello internazionale, contribuisci al funzionamento efficiente dei luoghi di lavoro in tutto il mondo.

Obiettivi prefissati

– Fissando obiettivi saprai esattamente cosa devi fare per ottenere ciò che desideri nella vita. Quindi, guardando questo “quadro più ampio”, sarai in grado di vedere come quelle attività indesiderabili possono aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi e sarai in grado di vedere “qual è il valore aggiunto per te” per completare queste attività.

Suddividi i tuoi compiti in pezzi più piccoli

– Suddividi il lavoro da fare in parti più piccole. Quindi, quando completi la prima parte, puoi usare il tuo successo con i compiti più piccoli per motivarti a finire.

Costruisci la responsabilità

– Informa i colleghi o il manager del tuo compito. Sapere che qualcun altro si aspetta che tu completi l’attività può aiutarti a motivarti.

Migliora la gestione del tempo

– Impara a prendere il controllo del tuo tempo e crea un programma che ti aiuti a fare le cose in modo più efficiente.

Non procrastinare

– Quando bassa motivazione e procrastinazione si verificano insieme, può essere doppiamente difficile portare a termine le cose.

Premiati

– Fai un accordo con te stesso per darti una ricompensa quando completi un compito. Ad esempio, prendi un caffè speciale quando completi i compiti più piccoli o concediti un trattamento alla spa quando finisci uno di quelli più importanti.

Scambia compiti con un collega

– Forse puoi scambiare il tuo compito indesiderabile con qualcun altro a cui non dispiace farlo, e puoi fare qualcosa per quella persona in cambio. Usa i reciproci bisogni, interessi e talenti per lavorare in modo più efficiente.

Circondati di pensieri e persone positive

– Il pensiero positivo è molto potente. Basta dire a te stesso che puoi fare qualcosa: spesso è tutto ciò di cui hai bisogno per iniziare. E quando sei vicino ad altre persone positive, ti sosterranno e ti incoraggeranno a continuare a provare.

Tags: ,

Barbara Badiali

“La cosa importante è di non smettere mai di interrogarsi. La curiosità esiste per ragioni proprie. Non si può fare a meno di provare riverenza quando si osservano i misteri dell'eternità, della vita, la meravigliosa struttura della realtà. Basta cercare ogni giorno di capire un po' il mistero. Non perdere mai una sacra curiosità.” (Albert Einstein)

Mission

Vogliamo aiutare le aziende ad ottenere risultati migliori di business, supportando la crescita personale e professionale di manager e collaboratori, sviluppando l’innovazione, e ottimizzando le attività di execution e di implementazione della strategia.

Seguici su

LinkedIn
YouTube

© VisionMind® s.r.l. 2022 . p.iva/c.f. 06975870962

Privacy Policy . Cookie Policy . Preferenze Cookie