Photo by Jannes Glas on Unsplash

Trovare l’equilibrio nel team: il Modello di Belbin

Quando un team sta dando il meglio di sé, è molto probabile che ogni membro del team abbia chiare responsabilità. E, presumibilmente, ogni ruolo necessario per raggiungere l’obiettivo di team viene portato a termine con efficacia e efficienza.

Ma spesso, nonostante ruoli e responsabilità chiari, un team potrebbe non riuscire a sfruttare appieno il suo potenziale.

Quanto spesso accade nei team con cui lavori? Forse alcuni membri del team non portano a termine ciò che ti aspetti che facciano. Forse non sono abbastanza flessibili, quindi le cose “cadono nel vuoto”. Forse qualcuno che è apprezzato per il suo contributo di esperto non riesce però a vedere il quadro più ampio. O forse qualcuno è frustrato perché non è d’accordo con l’approccio di un collega.

La dott.ssa Meredith Belbin ha studiato il lavoro di team per molti anni e ha osservato che le persone nei team tendono ad assumere diversi “ruoli di team”. Ha definito un ruolo di team come “una tendenza a comportarsi, contribuire e relazionarsi con gli altri in un modo particolare” e ha dato un nome a nove di questi ruoli di team che sono alla base del successo del team stesso.

Creazione di team più equilibrati

I team possono diventare sbilanciati se tutti i membri del team hanno stili di comportamento o ruoli simili. Se i membri del team hanno punti deboli simili, il team nel suo insieme potrebbe tendere ad avere quel punto debole. Se i membri del team hanno punti di forza simili nel lavoro di squadra, possono tendere a competere (piuttosto che cooperare) per i compiti e le responsabilità del team che meglio si adattano ai loro stili naturali.

La Belbin suggerisce che, comprendendo il proprio ruolo all’interno di un particolare team, è possibile sviluppare i punti di forza e gestire i punti deboli come membro del team, migliorando così il modo in cui si contribuisce al team.

Con questo modello, ci si può assicurare che i ruoli del team necessari siano coperti e che le potenziali tensioni comportamentali o debolezze tra i membri del team vengano affrontate. La ricerca mostra che i team con ruoli misti hanno prestazioni migliori rispetto a quelli che sono “sbilanciati” a causa di una rappresentazione eccessiva di determinati ruoli.

Dettagli sul modello dei ruoli di team

Belbin ha identificato nove ruoli di team e li ha classificati in tre gruppi: Orientato all’azione, Orientato alle persone e Orientato al pensiero. Ogni ruolo del team è associato a tipici punti di forza comportamentali e interpersonali. Ha anche definito le debolezze caratteristiche che tendono ad accompagnare ogni ruolo di team e le ha definite “ammissibili”. Come per qualsiasi debolezza comportamentale, queste sono aree di cui essere consapevoli e sono potenzialmente migliorabili.

I nove ruoli del team sono riassunti qui di seguito.

Ruoli orientati all’azione

Modellatore

Implementatore

Completatore-finitore

Sfida il team a migliorare

Trasforma le idee in azioni

Garantisce un completamento completo e tempestivo.

Ruoli orientati alle persone Coordinatore

Team worker

Ricercatore di risorse

Agisce come responsabile

Incoraggia la cooperazione

Esplora le opportunità esterne

Ruoli orientati al pensiero Impianti

Monitoraggio/valutatore

Specialista

Presenta nuove idee e approcci

Analizza le opzioni

Fornisce skills specialistiche

 

Guardiamo ora ad  ogni ruolo più in dettaglio

Ruoli orientati all’azione

Modellatore (Shaper)

I modellatori sono persone che sfidano il team a migliorare. Sono persone dinamiche e solitamente estroverse che amano stimolare gli altri, mettere in discussione le norme e trovare gli approcci migliori per risolvere i problemi. Il modellatore è colui che dà una scossa alle cose per assicurarsi che tutte le possibilità siano considerate e che la squadra non diventi compiacente.

I modellatori spesso vedono gli ostacoli come sfide eccitanti e tendono ad avere il coraggio di andare avanti quando gli altri hanno voglia di mollare.

I loro potenziali punti deboli possono essere che sono polemici e che possono offendere i sentimenti delle persone.

Implementatore (Implementer)

Gli implementatori sono le persone che fanno le cose. Trasformano le idee e i concetti del team in azioni e piani pratici. Sono in genere persone conservatrici e disciplinate che lavorano in modo sistematico ed efficiente e sono molto ben organizzate. Queste sono le persone su cui puoi contare per portare a termine il lavoro.

Per trovare aspetti negativi, gli implementatori possono essere rigidi e possono essere in qualche modo resistenti al cambiamento.

Completatore-finitore (Completer-Finisher)

I Completatore-finitore sono le persone che fanno in modo che i progetti sono completati del tutto. Garantiscono che non ci siano stati errori o omissioni e prestano attenzione ai minimi dettagli. Sono molto preoccupati per le scadenze e spingeranno il team ad assicurarsi che il lavoro venga completato in tempo. Sono descritti come perfezionisti: ordinati, coscienziosi e ansiosi.

Tuttavia, un Completer-Finisher potrebbe preoccuparsi inutilmente e potrebbe avere difficoltà a delegare.

Ruoli orientati alle persone

Coordinatore (Coordinator)

I coordinatori sono quelli che assumono il tradizionale ruolo di team leader e sono stati anche chiamati “direttori”. Guidano il team verso quelli che percepiscono come gli obiettivi. Sono spesso degli eccellenti ascoltatori e sono naturalmente in grado di riconoscere il contributo individuale di ogni membro del team. Sono calmi e di buon carattere e delegano i compiti in modo molto efficace.

I loro potenziali punti deboli sono che possono delegare troppe responsabilità personali e possono tendere ad essere manipolatori.

Team Worker

I Team Worker sono le persone che forniscono supporto e si assicurano che i membri del loro team lavorino insieme in modo efficace. Queste persone ricoprono il ruolo di negoziatori all’interno del team e sono flessibili, diplomatici e perspicaci. Tendono ad essere persone popolari che sono molto capaci di per sé, ma che danno comunque la priorità alla costruzione di un team forte e all’aiutare le persone ad andare d’accordo.

I loro punti deboli possono essere la tendenza a essere indecisi e a mantenere posizioni non impegnate durante le discussioni e il processo decisionale.

Ricercatore di risorse (Resources Investigator)

I ricercatori di risorse sono innovativi e curiosi. Esplorano le opzioni disponibili, sviluppano contatti e negoziano risorse per conto del team. Sono membri entusiasti del team e si identificano e lavorano con le parti interessate esterne per aiutare il team a raggiungere il suo obiettivo. Sono estroversi, il che significa che gli altri sono spesso ricettivi per loro e le loro idee.

Sul lato negativo, possono perdere rapidamente l’entusiasmo e sono spesso eccessivamente ottimisti.

Ruoli orientati al pensiero

Impianto  (Plant)

Il Plant è l’innovatore creativo che propone nuove idee e approcci. Vive grazie alle lodi, ma trova particolarmente difficile affrontare le critiche. I plant sono spesso introversi e preferiscono lavorare separati dalla squadra.

Poiché le loro idee sono così nuove, a volte possono essere impraticabili. Possono anche essere scarsi comunicatori e possono tendere a ignorare determinati parametri e vincoli.

Monitoraggio-valutatore (Monitor-Evaluator)

I monitoraggio-valutatori sono i migliori nell’analizzare e valutare le idee che altre persone (spesso Plants) escogitano. Queste persone sono astute e obiettive e valutano attentamente i pro e i contro di tutte le opzioni prima di prendere una decisione.

I monitor-evaluator sono pensatori critici e sono molto strategici nel loro approccio. Sono spesso percepiti come distaccati o privi di emozioni. Talvolta sono scarsi motivatori che reagiscono agli eventi piuttosto che facilitarli.

Specialista (Specialist)

Gli specialisti sono persone che hanno le conoscenze specialistiche necessarie per portare a termine il lavoro. Sono orgogliosi delle loro capacità e skills e lavorano per mantenere il loro status professionale. Il loro lavoro all’interno del team è quello di essere un esperto nel settore e si impegnano pienamente nel loro campo di competenza.

Ciò può limitare il loro contributo e portare a concentrarsi sugli aspetti tecnici a scapito di un quadro più ampio.

Tags: , , ,

Barbara Badiali

“La cosa importante è di non smettere mai di interrogarsi. La curiosità esiste per ragioni proprie. Non si può fare a meno di provare riverenza quando si osservano i misteri dell'eternità, della vita, la meravigliosa struttura della realtà. Basta cercare ogni giorno di capire un po' il mistero. Non perdere mai una sacra curiosità.” (Albert Einstein)

Mission

Vogliamo aiutare le aziende ad ottenere risultati migliori di business, supportando la crescita personale e professionale di manager e collaboratori, sviluppando l’innovazione, e ottimizzando le attività di execution e di implementazione della strategia.

Seguici su

LinkedIn
YouTube

© VisionMind® s.r.l. 2022 . p.iva/c.f. 06975870962

Privacy Policy . Cookie Policy . Preferenze Cookie